Tag Archives aquafaba

Chiffon cake al cioccolato

di

Chiffon cake al cioccolato

Chiffon cake al cioccolato, veggy, leggera e incredibilmente soffice, buona, bella…oserei dire paradisiaca.

Per realizzare una chiffon cake soffice senza nè uova nè amidi vari può sembrare impresa ardua, ma con la mia amica aquafaba questo è stato possibile. Non scoraggiatevi, questa strana sostanza chiamata aquafaba non è altro che l‘acqua di cottura dei legumi (meglio se di ceci), lasciata raffreddare (con i legumi) e montata, con un semplice mini-pimer e con l’aggiunta di un cucchiaino di limone. Tutto qui!!!! Peraltro è un’acqua ricchissima di sali minerali, che andrà ad innalzare di nutrienti la vostra torta, senza per questo aggiungere grassi. Cosa volere di più??

Ho voluto cuocere questa preparazione con il fornetto Versilia, ma se non lo avete, potete benissimo cuocerla in forno. Il risultato sarà simile.

L’ho infine glassata in modo semplicissimo, succo di arancia gelificato con alga agar-agar.

Quindi non perdete tempo e preparate questa torta, che non posso che definirla s t r e p i t o s a

Ingredienti per stampo a ciambella da 22 cm:
  • 270 g di farina tipo 1
  • 180 g di zucchero di canna tipo Mascobado
  • 50 g di farina di lupino
  • 30 g di cacao amaro
  • 25 g di cioccolato al 70% sciolto in 50 ml di latte di soia (o altro latte vegetale)
  • 350 ml di aquafaba
  • 130 g di olio di semi di girasole
  • 1 c di bicarbonato di sodio
  • 1 c di aceto di mele
  • 1 C di liquore al caffè (o rum, o altro liquore di vostro gradimento)
  • 1 bustina di lievito naturale cremor tartaro
  • 1 c di succo di limone
Per la glassa:
  • 200 ml di succo di arancia spremuto fresco
  • 1 c raso di agar-agar
Procedimento:
  1. In un’ampia ciotola unisci farina, farina di lupino, zucchero, cacao, bicarbonato e lievito. Mischiali bene con una forchetta eliminando qualsiasi grumo.
  2. Monta l’aquafaba, insieme al cucchiaino di limone, fino a che sarà bianca, spumosa e compatta.
  3. Nel frattempo fai sciogliere a fiamma bassa il cioccolato in un pentolino insieme al latte vegetale.
  4. Unisci alle farine l’quafaba montata, amalgamando delicatamente dall’alto al basso e unendo a filo l’olio di semi. Unisci il cioccolato sciolto ancora molto caldo.
  5. Unisci infine il cucchiaino di aceto e il liquore e amalgama ancora un po’, sempre delicatamente. Il composto dovrà risultare liscio e abbastanza liquido.
  6. Procedi ad oliare lo stampo scelto.
  7. Se cuoci nel fornetto Versilia: posiziona su fuoco piccolo, per i primi 5 minuti a fiamma alta, poi abbassa al minimo e ci vorranno circa 60 minuti  di cottura.
  8. Se cuoci in forno elettrico: inforna in forno caldo, statico, 180°, per circa 45 minuti.

Per preparare la glassa:

Spremi il succo di arancia e trasferisci in un pentolino. Unisci il cucchiaino di agar-agar e accendi il fuoco al minimo. Stempera l’alga con l’aiuto di un frustino e cuoci pochi minuti fino a che l’alga non si sia sciolta completamente. Spegni e lascia raffreddare completamente fino a gelificazione (puoi trasferire in frigo per accorciare i tempi). In circa un’ora il composto dovrebbe addensarsi, se troppo frulla un attimo con mini-pimer. La glassa è pronta per essere usata!!

 

Pagnotta con aquafaba

di

Pagnotta con aquafaba

Pagnotta con aquafaba (acqua di cottura dei legumiclicca qui e lievitata naturalmente. Questa ricetta è destinata ad un pubblico che abbia voglia di sperimentare, la cui cucina assomiglia più ad un laboratorio piuttosto che ad un ambiente di quelli che si vedono al salone del mobile. Giusto per dirvi che è si una ricetta alla portata di tutti, ma senz’altro è apprezzata più dagli appassionati.

Ho iniziato ad “allevare” la pasta madre oltre un anno fa. Consiglio a tutti di avere un pezzo di pasta madre in frigo da risvegliare spesso; prima di un anno fa non sapevo neanche io quante soddisfazioni potesse dare. In questi lunghi mesi ho realizzato delle ottime pizze, morbide focacce e formidabili piadine (queste ultime fatte con gli scarti del lievito). Quello che ancora non mi era davvero riuscito ad arte era il pane. Il principale motivo è che, non panificando tutti i giorni, la mia pasta madre non è abbastanza forte. Nel senso che capita che io mi dimentichi di rinfrescarla, quindi un po’ la “bambina” ne risente.

Ho provato a panificare utilizzando, al posto dell’acqua, l’aquafaba montata. Ragazzi!!!! Il risultato è stato eccezionale; il pane ha lievitato perfettamente e finalmente ho potuto gustare del pane fatto da me, completamente naturale, morbido e buonissimo. L’ho mangiato oggi a colazione con marmellata di more (autoprodotta) e la goduria è stata immensa.

Chiaramente potete provare l’aquafaba anche nel pane lievitato con lievito di birra o per realizzare focacce particolarmente morbide.

Ingredienti per una pagnotta:
  • 600 gr di farina semi-integrale (di cui 200 pasta madre, altrimenti 10 g di lievito di birra disidratato)
  • 250 ml di aquafaba montata
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • 2 cucchiai di semi (girasole, zucca, sesamo) se graditi
Procedimento:
  1. Procedi a montare l’aquafaba con un cucchiaino di limone spremuto fresco, per la preparazione clicca qui.
  2. Aggiungi alla farina a cui avrai già incorporato lievito madre e sale (od eventualmente lievito di birra) l’quafaba montata.
  3. Aggiungila poco alla volta a cucchiaiate e lavora a mano l’impasto. Ci vorranno circa 10 minuti.
  4. Aggiungi i semi se graditi e lavora ancora un po’ l’impasto fino ad attenere una bella palla morbida.
  5. Riponi in una ciotola e copri con un panno umido. Lasciala lievitare circa 3 ore; dovrebbe quasi raddoppiare.
  6. Scalda il forno a 200 °, riponi in forno una ciotola con dell’acqua in modo che si crei dell’umidità.
  7. Trasferisci delicatamente la pagnotta nello stampo prescelto e procedi a fare dei tagli sulla superfici, profondi circa 1 cm.
  8. Inforna per circa 45 minuti. Quando il pane sarà dorato e ben lievitato estrai dal forno e lascia raffreddare completamente.
  9. Gustalo dopo qualche ora e conservalo in un sacchetto di carta, durerà morbido almeno 3 giorni.

 

 

 

Torta soffice alle pesche

di

Torta soffice alle pesche

Torta soffice alle pesche…devo proprio dirlo, per me una vera delizia!!!!

E’ una torta da mangiare a colazione, con un buon cappuccino (meglio con latte di soia…) dove al suo interno andrete ad immergervi questa deliziosa torta. Morbidissima già di suo, ma inzuppata nel cappuccino, o nel the, diventa superlativa.

La sua morbidezza è data soprattutto dall’Aquafaba, eccezionale sostituto dell’albume d’uovo (l’acqua dei ceci, guarda caso, ha le albumine…). Non demoralizzatevi quando leggerete come preparare l’aquafaba, non è così complicato e ne vale assolutamente la pena!!

Dato il periodo, io l’ho farcita con le pesche. Potere usare altra frutta matura che vi ritrovate al momento.

Ingredienti per 6 persone:
  • 250 gr farina tipo 2
  • 200 gr tofu velluto
  • 150 gr zucchero grezzo di canna
  • 100 ml di latte di riso
  • 80 ml di olio di semi di girasole
  • 12 C colmi di Aquafaba
  • 1 c di estratto di vaniglia (o in polvere)
  • 1 bustina di lievito naturale, cremor tartaro
  • 2 pesche mature, pasta gialla
Procedimento:
  1. Procedi a preparare l’aquafaba, per sapere come fare clicca qui Aquafaba
  2. Con una forchetta lavora il tofu con lo zucchero.
  3. Unisci al tofu lavorato il latte, l’olio e la farina setacciata. Amalgama con un cucchiaio di legno.
  4. Passa ad aggiungere la vaniglia e il lievito, amalgama nuovamente.
  5. Infine, unisci l’aquafaba e lavora l’impasto delicatamente, incorporando l’aquafaba dall’alto verso il basso, stando attenti a non smontare l’impasto.
  6. Trasferisci il composto ottenuto in uno stampo da torta, di circa 25 cm, foderato di carta da forno.
  7. Pela e taglia a fettine le pesche, posizionale sul composto ottenuto.
  8. Inforna in forno caldo, 180° statico, per circa 40 minuti.
  9. Fai la prova stecchino prima di terminare la cottura, se risulta asciutto estrai la torta e lasciala raffreddare su di una gratella.

Buona colazione!!

 

 

 

Sponge cake anice stellato

di

Sponge cake anice stellato,

torta al latte caldo

La sponge cake, torta spugnosa, è una preparazione utilissima in pasticceria. Si presta, avendo base neutra, a tante farciture quante la nostra fantasia può inventarne…

Nella foto la trovate glassata al cioccolato….divina!!

E’ buona anche sola, inzuppata, oppure aromatizzata. Io ho preparato la torta spugnosa aromatizzata all’anice stellato. Dimenticavo!! Per chi lo desidera, ho convertito la preparazione classica in vegan!!!

Ingredienti per 6/8 porzioni:
  • 220 di farina Tipo 1, oppure farina di farro bianca
  • 100 ml Aquafaba (se volete, potete usare le chiare di due uova)
  • 50 ml olio di semi di girasole
  • 200 g di malto di riso
  • 180 ml di latte di riso/mandorla
  • 3 fiori di anice stellato
  • 1 c di curcuma
  • 1 bustina di cremor tartaro
  • pizzico di sale
Per la glassa:
  • 100 g di cioccolato fondente al 70% di cacao
  • 60 g di sciroppo d’acero
  • 30 g di olio di girasole
Procedimento:
  1. Scalda il latte in un pentolino, quando sta per bollire spegni e unisci i fiori stellati di anice. Copri e lascia in infusione.
  2. Nel frattempo monta a neve l’aquafaba, per prepararla clicca qui. Se preferisci, monta a neve le chiare d’uovo.
  3. Setaccia la farina con il cremortartaro. Elimina i fiori dal latte e uniscilo piano alla farina, aggiungi il malto e la curcuma e amalgama bene con un cucchiaio di legno. Unisci poco alla volta il latte alla farina, in modo da non formare grumi. Unisci l’olio, il sale ed, infine, l’Aquafaba (o chiare d’uovo montate a neve). Amalgama dall’alto al basso (l’impasto dovrà “scrivere”) e trasferisci in teglia, rivestita di carta da forno, del diametro di 20/22 cm.
  4. Inforna a 170°, statico, per 40 minuti circa.
  5. Per preparare la glassa: fondi il cioccolato a bagnomaria, spegni e aggiungi lo sciroppo d’acero e l’olio. Emulsiona con una frusta. Con l’aiuto di una spatola ricopri la torta con la glassa ancora tiepida. Sentirai che bontà!!!

Mousse chocolate

di

Mousse di chocolate con aquafaba…un piacere unico! A fine pasto è uno dei pochi dessert che veramente apprezzo. Questa preparazione, veramente ipocalorica, finalmente soddisfa la mia voglia di mousse; senza però appesantire un pasto spesso già ricco. Provatela!!!

image

Ingredienti per 4 persone:

100 ml di Aquafaba: acqua di conserva di ceci in barattolo di vetro (senza sale!). Se vuoi prepararla in casa clicca qui

100 gr di cioccolato fondente al 72%

4 C di latte vegetale

frutti rossi e granella di frutta secca per guarnire

2 C di zucchero di canna (facoltativo)

Procedimento:

Monta a neve ben ferma l’aquafaba. Se gradisci una preparazione più dolce aggiungi un paio di cucchiai di zucchero un volta montato il composto.

Sciogli a bagnomaria il cioccolato con il latte; quando sciolto fai intiepidire.

Aggiungi il cioccolato tiepido all’aquafaba montata e continua a montare con frusta per alcuni secondi.

Trasferisci il composto nelle 4 coppette, guarnisci con frutti e granella a piacere.

Lascia riposare in frigo un’ora circa prima di servire.