Cannella, curcuma & Co. Scopriamole insieme

di

Cannella, curcuma & Co. sono sapori decisi e gradevoli, ma hanno anche proprietà benefiche non sempre note. Scopriamole insieme

Pensate che le spezie e le piante aromatiche vengano utilizzate in cucina solo per dare maggiore sapore al cibo? Sicuramente aprono un ventaglio di aromi spesso inediti al nostro palato, ma il vero potere delle spezie è curativo. Ecco 5 regine del sapore che non dovrebbero mai mancare nella dispensa.

CANNELLA
Èuna spezia molto diffusa ed utilizzata sia in Oriente che Occidente. Ne esistono di due varietà, ma solo la cannella regina (Cinnamomum zeylanicun) possiede proprietà curative: è riconosciuta come è un antisettico naturale in grado di combattere ed eliminare funghi, virus e batteri – non a caso viene spesso utilizzata in dentifrici o colluttori  – e recentemente si è scoperto che è capace di moderare la glicemia. La cannella regola la percentuale di zuccheri nel sangue ed èconsigliata a diabetici e iperglicemici, possiede proprietà anti infiammatorie ed è utile per lenire rigidità muscolare e dolori mestruali, ottima per digerire e prevenire la fermentazione addominale.

AGLIO
È uno dei più antichi medicinali alimentari considerato indispensabile per una infinità di ottime ragioni: non solo possiede proprietà antibiotiche, ma aiuta a ridurre il livello di colesterolo e trigliceridi, fluidifica e depura il sangue, ma è anche un potentissimo antibatterico naturale che aiuta ad abbassare la pressione sanguigna. E’ uno degli antiossidanti più efficaci esistenti sia in natura, depura l’organismo dai metalli pesanti ed aiuta a combattere le carie, dona alla pelle un aspetto sano e irrobustisce il cuoio capelluto grazie alla presenza di acido fitinico. Non dimenticate che la maggior parte dei benefici dell’aglio derivano dall’allicina, un principio attivo che viene rilasciato solo quando si schiacciano o tritano gli spicchi.

ZENZERO
L
enisce dolori addominali e nausee, rafforza il sistema immunitario, previene e cura le malattie da raffreddamento sciogliendo il muco dalle vie respiratorie. Oltre a rendere il cibo più digeribile è una ricca fonte di antiossidanti che aiutano a distruggere i radicali liberi e migliora la circolazione.  E’ un ottimo antinausea, particolarmente consigliato in gravidanza e protegge e stimola la secrezione gastrica, per questo è consigliato per chi soffre di bruciori di stomaco. Nella medicina tradizionale orientale viene utilizzato  nei trattamento dell’osteoartrite, come stimolante del cuore e per facilitare l’espulsione di scorie dall’organismo.

PEPERONCINO
Nella medicina cinese e ayurvedica è considerato un ottimo rimedio contro la depressione, l’inappetenza ed i cali metabolici grazie alla sua azione rigenerante sul sangue. A livello terapeutico  favorisce la secrezione di succhi gastrici e facilita la digestione, è un ottimocardioprotettivo e possiede proprietà di vasodilatatore, perché consente ai capillari di rimanere elastici migliorando l’ossigenazione del sangue. Queste proprietà si devono agli acidi grassi insaturi presenti nel seme, che rinforzano i vasi sanguigni: non eliminateli! Grazie alle sueproprietà antifiammatorie, il peperoncino è spesso indicato in caso di tosse o raucedine, ma non dimentichiamoci che è ricchissimo di vitamina C  e vitamina E che  potenziano le difese contro il cancro. Non solo: è considerato un potente afrodisiaco, mentre secondo studi recenti svolge un’azione antistaminica e potrebbe essere usato per curare allergia ed asma.

CURCUMA
Possiede un aroma delicato e volatile, ma il suo colore rimane inalterato nel tempo e per questo viene largamente utilizzato come colorante. È particolarmente impiegata nella medicina ayurvedica e tradizionale cinese per le sue potenti proprietà antinfiammatorie e depurative. La curcuma è epatoprotettorestimola le vie bolari e fluidifica il sangue.  Recenti studi hanno evidenziato le proprietà antitumorali della curcumina, principio attivo che conferisce alla spezia anche un’azione antinfiammatoria e analgesica. È anche un ottimo antiossidante e a livello topico svolge un’azione cicatrizzante, non a caso in India viene utilizzata per curare scottature, ferite e punture d’insetti.

Ailén Gamberoni

Nessun tag 0

Ancora nessun commento

Che cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *