Aquafaba per la Torta di albicocche

di

Questa torta realizzata con l’aquafaba mi ha reso veramente orgogliosa.

L’aquafaba ha sostituito perfettamente l’albume d’uovo, rendendo la torta gonfia e sofficissima. Per saperne di più sull’aquafaba clicca qui

Dosi per 6 persone:

250 g di farina tipo 2

200 g ricotta

150 g di zucchero di canna

100 ml di latte di riso

80 ml di olio di semi di girasole

12 C colmi di aquafaba

1 c di vaniglia

1 bustina di cremor tartaro

250 g di albicocche

Procedimento:

Per preparare l’aquafaba ci sono 2 possibilità. Se hai poco tempo e non vuoi rischiare di sbagliare, acquista dei ceci (senza sale) in barattolo di vetro e utilizza la loro acqua montandola a neve con planetaria o fruste elettriche. Ci vorranno circa 10 minuti.

Se vuoi prepararla in casa fai così: fai lessare 200 g di ceci, precedentemente ammollati, in circa 700 ml d’acqua. I tempi di cottura possono variare; in genere si impiegano 3 ore a fuoco basso. Terminata la cottura l’acqua  dovrà corrispondere a circa 150ml. Lasciala raffreddare completamente (meglio se preparata il giorno prima e lasciata in frigo diverse ore), dopodichè passa a montare l’aquafaba ben fredda. Quasi per magia si trasformerà in una spuma bianca.

Setaccia la farina con vaniglia e cremor tartaro. In una ciotola lavora la ricotta con lo zucchero, aggiungi olio e latte ed in ultimo la farina setacciata.

Unisci ora l’aquafaba, facendo attenzione a non smontare l’impasto, amalgamando dall’alto al basso.

In ultimo, dividere a metà le albicocche pulite e private del nocciolo, posizionarle sulla superficie dell’impasto con l’interno rivolto verso l’alto.

Infornare in forno caldo, 180° modalità statica, per 40 minuti circa.

Che delizia!!

 

 

 

Ancora nessun commento

Che cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *